Il co-fondatore di Kucoin rivela che l’84% dei fondi compromessi è stato recuperato

Il co-fondatore di Kucoin, Johnny Lyu, in un tweet mercoledì 11 novembre 2020, ha aggiornato la comunità sui progressi compiuti finora sul recente hack che ha scosso lo scambio a settembre. Lyu, nel suo tweet, ha fatto sapere che l’84% dei fondi hackerati è ora recuperato, con sforzi per recuperare il resto ancora in corso. Sebbene relativamente in silenzio sul processo di recupero dei fondi, Lyu ha affermato che i dettagli del processo di recupero saranno pubblicati una volta risolto il caso.

Kucoin recupera la maggior parte dei fondi rubati

Come riportato da ZyCrypto il 26 settembre 2020, niente meno di $ 250 milioni di asset sono stati rubati da uno dei principali scambi di criptovaluta, Kucoin.

Come informato all’epoca, le monete ei token rubati includevano Bitcoin Era, Ethereum e molti altri token ERC-20. Questi fondi sarebbero stati spostati dal portafoglio caldo di Kucoin.

All’epoca, lo scambio prometteva che gli utenti interessati sarebbero stati compensati mentre si sarebbero rivolti ad altri scambi, sperando di rintracciare e possibilmente recuperare i fondi rubati.

L’evento ha causato la chiusura di alcuni dei suoi servizi sulla piattaforma da parte dell’exchange

Alcune buone notizie finalmente arrivano quando il co-fondatore degli scambi, Johnny Lyu, rivela che una parte considerevole dei fondi rubati, l’84% per la precisione, è già stata recuperata.

Briefing sulle misure adottate per recuperare i suddetti fondi, Lyu ha affermato che le risorse interessate sono state recuperate tramite un approccio di monitoraggio on-chain, aggiornamento del contratto e recupero giudiziario. Sebbene non sia andato oltre, Lyu ha detto che ogni dettaglio dell’hacking sarebbe stato pubblicato una volta che il caso fosse stato chiuso, come richiesto dalle forze dell’ordine.

Inoltre, Lyu ha ringraziato coloro (che includevano individui e organizzazioni) che si sono impegnati a recuperare i fondi rubati.

Andando avanti, ha promesso che lo scambio raddoppierà i suoi sforzi per salvaguardare le risorse degli utenti sulla piattaforma.